Menù
Home page
Registrati
Profilo utente
I tuoi ordini
Il tuo carrello
Termini e condizioni
Offerte
Novità
Cerca per ARTISTA
Cerca per STRUMENTO
DISCHI PREMIATI
Le LINEE EDITORIALI
PUNTI VENDITA
Rassegna Stampa LABEL
• JAZZIT AWARD 2013
• TOP JAZZ 2013

Categorie
1. Catalogo DODICILUNE
2. Catalogo KOINE'
3. Catalogo FONOSFERE
4. Catalogo CONTROVENTO
5. Catalogo CONFINI
6. Catalogo WYSIWYG
7. SPECIAL PRICE CD
8. VINILE
9. FLAC ALTA RISOLUZIONE

CERCA
inserisci una parola:
 
 
     

offerte

SEBASTIAN PIOVESAN - TRAVELLING NOTES



Prezzo*: € 12,90 Inserisci nel carrello  Inserisci nel carrello

*Il prezzo si intende IVA inclusa

Descrizione

• PLAYER & DIGITAL DOWNLOAD




• VIDEO
DISORIENTED BREEZE (extract)
TRAVELLING NOTES (all tracks extract)

• PRESSRELEASE
Esce martedì 3 aprile in Italia e all’estero distribuito da Ird e nei migliori store digitali, "Travelling Notes", nuovo lavoro discografico del bassista e compositore veneto Sebastian Piovesan. Sette composizioni originali ispirate dalle esperienze vissute in occasione di alcuni viaggi in Francia, Belgio, Estonia che Piovesan cerca di esprimere attraverso suoni, melodie e armonie. "Note di Viaggio" o “Note in Viaggio”, narrate come storie, brani scritti e suonati mentre il musicista esplorava questi luoghi. Ad accompagnarlo in questo viaggio, quattro musicisti che si sono formati, come Piovesan al Conservatorio Giuseppe Tartini di Trieste: Francesco Ivone alla tromba, Giorgio Giacobbi ai sassofoni, Francesco De Luisa al pianoforte, Camilla Collet alla batteria. Il disco sarà presentato ufficialmente lunedì 9 aprile (ore 19) nel Laboratorio dell'orafo Maurizio Stagni in Via degli Artisti 7 a Trieste e il 28 aprile (ore 20.30) al 27Bflat Jazz & Blues Eetcafé di Brugge in Belgio.
 
«Ogni viaggio inizia con quell’apparente sensazione di disorientamento, in cui tutto è nuovo ma che presto diventerà familiare (Disoriented Breeze)», spiega Piovesan. «Il buio e la notte, il silenzio e la tranquillità, momenti in cui volgendo uno sguardo al cielo qualcosa ci riporta a casa (Evenings). Piacevoli sorprese, un dolce incontro inaspettato (Whillip), sensazioni ed emozioni che raccogliamo e portiamo dentro senza fine e senza tempo (Aeonian). È un girovagare attorno a qualcosa di misterioso che ci attrae (Around a Round Trip), forse inconsapevolmente spinti da quel proprio istinto che ci accompagnerà sempre (Funky Feeling). Un luogo diventato casa, non vorresti più ripartire, ma in cuor tuo sai che lo rivivrai ancora (Näeme jälle). L’augurio è che questo racconto sia soltanto la prefazione di una lunga narrazione ancora tutta da scrivere».

Travelling Notes” tells the story of a journey that led me to live in Estonia, Belgium and France, having unforgettable experiences, rich in emotions, that I express through sounds, melodies and harmonies. The result is "Travel Notes" or “Notes on the Go”, narrated as stories, tunes and compositions that were written and played while I was exploring these countries. Every journey begins with a certain sense of disorientation; everything is new, but it will soon feel familiar (Disoriented Breeze). Sometimes, darkness and nighttime, silence and tranquility, moments spent gazing at the sky stir memories of a distant home (Evenings). Other times, nice surprises and unexpected encounters (Whillip) produce impressions and emotions that we collect and we keep inside us forever (Aeonian). It is like wandering around something mysterious that attracts us (Around a Round Trip), as if we were unknowingly pushed by an inner instinct which will always accompany us (Funky Feeling). Finally, those unknown places become a home: you don’t want to leave it, but in your heart you know you will live there again (Näeme Jälle). My wish is that this story is just the prologue of a longer narrative yet to be written.

• BIO
Sebastian Piovesan. Bassista, compositore e arrangiatore, consegue i diplomi di Triennio Jazz (2012) e Biennio Jazz (2015), presso il conservatorio G. Tartini di Trieste, sotto la guida di Giovanni Maier, Marc Abrams, Klaus Gesing, Glauco Venier, Matteo Alfonso ed i maestri di arrangiamento e composizione Stefano Bellon e Alberto Mandarini. Vincitore di due borse di studio si trasferisce prima a Tallinn (Estonia) approfondendo gli studi presso l’Estonian Academy of Music and Theatre e successivamente, a Leuven (Belgio) dove ha insegnato, collaborato e si è esibito per il dipartimento di Jazz della LUCA School of Arts di Bruxelles per l’anno accademico 2015-2016. Rilevante la sua dedizione per la composizione e l’arrangiamento sviluppata anche grazie alla “Big Tartini Band” diretta da Klaus Gesing, della quale fa parte in qualità di bassista ma anche di compositore e arrangiatore di alcuni brani. Ha partecipato a numerosi festival musicali in Italia ma anche in campo Internazionale, ha frequentato numerosi seminari e varie sono le collaborazioni nel lavoro in studio di registrazione.

Francesco Ivone. Si avvicina alla musica all’età di 9 anni tramite lo studio della tromba classica e successivamente del Jazz. Dal 2009 continua la sua formazione musicale presso il Conservatorio G. Tartini di Trieste dove si diplomerà a pieni voti nel 2014 sotto la guida di Gianluca Carollo, Alberto Mandarini, Giovanni Maier, Riccardo Chiarion e Klaus Gesing. Vincitore delle borse di studio dei seminari di Gorizia Jazz (2010) e di Jazz in Laurino (2012) ha frequentato diversi seminari tra cui le clinics di Umbria Jazz e i seminari dei maestri Jarrod Cagwin, Keith Tippett, Steve Lehman, Nik Bartsch, Mark Ribot, Jeff Stout. Molto attivo nel panorama musicale regionale e di confine, si esibisce con formazioni differenti in diversi contesti e numerosi festival internazionali, spaziando tra vari generi, dal Jazz alla musica elettronica, passando per la musica improvvisata.

Giorgio Giacobbi. Frequenta la scuola di musica “La Sorgente Onlus” di Domegge di Cadore dal 2003 al 2011, partecipando al corso di sax tenuto da Marco Crestani e ai progetti di musica d’insieme assieme al fratello Marco Giacobbi (batterista). Dal 2011 al 2014 frequenta il triennio di Saxofono jazz al conservatorio G.Tartini di Trieste, studiando con Klaus Gesing, Giovanni Maier, Matteo Alfonso, diplomandosi nel 2015 e proseguendo con il biennio di jazz ad indirizzo interpretativo (tenuto dagli stessi insegnanti), diplomandosi nel 2017. Nello stesso periodo suona come primo tenorista nella Big Tartini Band, organico che si è esibito, tra i vari concerti, a Cividale in occasione del Friuli del Mittelfest nel luglio 2013; e con lo Skomrah Modern Quartet, ensamble premiato come “gruppo che ha centrato al meglio il tema del crossover” al concorso “Opening band music 2014”. Prende parte a diversi gruppi musicali, partecipando alla realizzazione di vari dischi.

Francesco De Luisa. Si diploma in pianoforte presso il Conservatorio G. Tartini di Trieste sotto la guida di Massimo Gon nel 2010. Si laurea al Biennio Specialistico in Jazz nel 2013 presso il medesimo Conservatorio, studiando con Klaus Gesing, Giovanni Maier e Matteo Alfonso, conseguendo il massimo dei voti e la lode. È stato finalista di concorsi in ambito jazz come il premio Lelio Luttazzi (2011) ed il premio Chicco Bettinardi (2014), mentre nel 2008 al Gorizia Jazz Workshop riceve una borsa di studio per frequentare i corsi di Siena Jazz. Ha frequentato i seminari di Siena Jazz (2009), Roma Jazz’s Cool (2011), Tuscia in Jazz (2013, 2014), Spezia Jazz (2015), Gorizia Jazz Workshop (2006, 2007, 2008, 2009), studiando con John Taylor, Kenny Werner, Danilo Perez, Aaron Parks, Franco D’Andrea, Kevin Hays, Stefano Bollani, Omar Sosa. Ha scritto, eseguito ed improvvisato numerosi commenti sonori per letture, proiezioni cinematografiche e rappresentazioni teatrali. Ha suonato in Italia, Slovenia, Croazia, Austria, Grecia, esibendosi in vari festival internazionali.

Camilla Collet. Studia al Biennio Jazz presso il Conservatorio G. Tartini dopo aver conseguito il diploma di Triennio Jazz (2017) presso il medesimo Conservatorio, sotto la guida di Klaus Gesing, Giovanni Maier, Bruno Astesana, Giuseppe Urso, Stefano Peretto. Partecipa a numerose masterclass e seminari tenuti da artisti di fama internazionale, ha una vivace attività concertistica, anche all’estero, esibendosi con diversi ensembles. Suona in svariati festival jazz e teatri con la Big Tartini Band diretta da Klaus Gesing. Esegue le Danze Sinfoniche da West Side Story di Leonard Bernstein con l’orchestra sinfonica del Conservatorio diretta dal maestro Antonino Fogliani. Nel 2016 ottiene l’opportunità di entrare nel programma Erasmus, grazie al quale si reca a Porto (Portogallo), per studiare alla “Escola Superior de Música e Artes do Espectáculo” sotto la guida del batterista newyorkese Michael Lauren.


• TRACKLIST
  1) Disoriented Breeze
  2) Evenings
  3) Whillip
  4) Aeonian
  5) Around a Round Trip
  6) Funky Feeling
  7) Näeme Jälle


• COMPOSITIONS BY
All compositions and arrangements by Sebastian Piovesan (Dodicilune edizioni)  


• PERSONNEL
Sebastian Piovesan, electric bass
Francesco Ivone, trumpet
Giorgio Giacobbi, tenor/soprano saxophones
Francesco De Luisa, piano
Camilla Collet, drums


• PRODUCTION DATA
Total time 42:52 STEREO DDD
p 2018 DODICILUNE (Italy)
www.dodicilune.it
CD DODICILUNE DISCHI Ed395
8033309693958


• RECORDING DATA
Produced by Sebastian Piovesan and Gabriele Rampino for Dodicilune edizioni, Italy
Label manager Maurizio Bizzochetti (www.dodicilune.it)
Recorded 2 March 2017 at Artesuono, Cavalicco (Ud), Italy
Mixed and mastered 27 June 2017 at Artesuono, Cavalicco (Ud), Italy
Sound engineer Stefano Amerio
Cover photo m Denis Belitsky
Photos by Davide Franceschini
Contact: www.sebastianpiovesan.com, piovesansebastian@gmail.com


• RASSEGNA STAMPA







Torna alla homepage




CARRELLO DELLA SPESA
  sono presenti
0 prodotti
 
     

Login

NEWSLETTER
inserisci la tua email:
 
 
     

Novità